Pastiera Vegan Senza Soia

Tempo di preparazione 120 min

Temperatura di cottura 180° per 40/50 min

Per 4 persone:

Per la pasta frolla al cacao:

195 gr di farina “00” ( sostituibile con farina integrale)

37 gr amido di mais

90 gr di olio di cocco

52 gr di zucchero

37 gr di IN-VECE DEL LATTE bevanda d’avena

3 gr di baking ( lievito per dolci)

1 gr di sale

Per la farcitura della pastiera:

100 gr di ricotta di mandorle 

50 gr di zucchero

50 gr di crema pasticcera con IN-VECE DELL'UOVO ( alga grassa )

65 gr di bevanda d'avena

5 gr di farina di ceci

20 gr di amido di mais

15 gr di olio di cocco

60 gr di aquafaba

50 gr di zucchero

85 gr di grano cotto

50 gr di arancia candita a cubetti

q.b di fior d'arancio

Tempo e temperatura di cottura:

180° 40/45 min forno ventilato

Dimensione dello stampo 22 cm

Procedimento:

 

Pesare lo zucchero, la farina, il baking e il sale in una ciotola ed unire all’olio di cocco. Mescolare molto bene e disperdere bene tutte le polveri. Aggiungere la bevanda d’avena e impastare il meno possibile. Ritirare in frigorifero avvolta in un foglio di carta forno o di pellicola, per almeno 1 ora.

Nel frattempo preparare la farcitura della pastiera unendo insieme tutti gli elementi tranne l'aquafaba e la sua dose di zucchero che vanno montati molto bene in planetaria o con il frullino. Per montare l'acquafaba fatela montare prima da sola e aggiungete poco per volta lo zucchero. 

Unite quindi il composto di ricotta all'aquafaba montata. 

Prendere la pasta frolla dal frigorifero e lavorarla un po’ con le mani per renderla plastica. Stendere con il mattarello sulla spianatoia leggermente infarinata. Portare la frolla allo spessore di 3/4 mm e ritagliare il disco per foderare lo stampo.

Farcire la crostata con la farcitura stando attenti di arrivare a circa 3 mm dal bordo. Stendete altra frolla e create le strisce da appoggiare sopra la farcitura. Incociatele a rombo per creare la classica decorazione. Cuocete per il tempo e alla temperatura indicata e lasciate freddare molto bene.

Meglio se riposa una notte in frigorifero.

PS per una migliore cottura della frolla se ne avete ponete sulla base dello stampo foderato di pasta frolla uno strato di biscuit o pan di spagna a fettine sottili. Aiuterà ad assorbire l'umidità della crema dal basso e favorirà la cottura della frolla.

DB

  • w-facebook
  • Bianco Instagram Icona
  • Bianco YouTube Icona